#NoViolenceAgainstWomen

ADR in prima linea nella giornata contro la violenza sulle donne

Di Silvia Rosati

 

Fontana Terminal 3 partenze

 

Note suggestive diffuse da un pianoforte presso il Terminal 1 hanno segnato, il 25 novembre scorso, l’inizio di una giornata di testimonianza e impegno, di riflessione e presa di coscienza contro la violenza sulle donne. Si tratta di un fenomeno che riguarda tutti i Paesi del mondo e che in Italia ha assunto i contorni di un’emergenza con 109 donne uccise dall’inizio dell’anno, una ogni tre giorni.

Per questo, presso l’aeroporto Leonardo da Vinci, sono state allestite le panchine rosse che riportano la scritta “No violence against women”, così come il rosso ha colorato, con un gioco di luci, anche la fontana del Terminal 3 e la palazzina direzionale.

Tutto questo, è stato accompagnato da una serie di iniziative di carattere social che hanno seguito passo passo il procedere della nostra campagna, dando un segnale deciso e forte modificando il colore del logo ADR. Si è trattato di una scelta dettata dal desiderio di mostrare sostegno alla campagna delle Nazioni Unite che hanno invitato tutti gli stakeholder pubblici e privati a celebrare tutti insieme i 16 giorni contro la violenza sulle donne, con lo slogan “Orange the world: end violence against women now!”. Per questa ragione, il logo si è tinto di arancione e tale è rimasto fino al 10 dicembre, diventando rosso nella giornata dedicata alla campagna, in coerenza con tutte le attività che si sono svolte in aeroporto.

A queste iniziative, coerenti con il profondo rinnovamento in atto in ADR, basato su valori fondanti e sulla sostenibilità, si sono sommate la realizzazione di un video e di un flyer con un claim suggestivo contro la paura, distribuito ovunque, sia tra i passeggeri che tra gli addetti: “noi vi vediamo...non siete sole”.

Nel video, tutto parte da un semplice gesto fatto con le mani che viene “mimato” dai protagonisti per lanciare un segnale d’aiuto silenzioso ma incisivo che, se compreso, può letteralmente salvare una vita: il pollice della mano piegato e le quattro dita in alto, poi chiuse in pugno, simbolo - diventato popolare in tutto il mondo - della richiesta urgente di aiuto che tutti dobbiamo imparare a riconoscere.

Nel flyer, distribuito a passeggeri e operatori aeroportuali, è disegnato lo stesso gesto e riportata l’indicazione: “Se vedi qualcuno fare questo gesto, non intervenire e chiama il 1522”.

Per sensibilizzare ulteriormente i viaggiatori, all’interno dei terminal, sono stati distribuiti da personale di ADR e da agenti in divisa delle forze dell’Ordine e degli Enti di Stato, oltre al flyer, dei braccialetti rossi, con l’hashtag #generationequality. Molti li hanno indossati orgogliosamente, mentre le note del pianoforte del terminal 1, suonato dal maestro Adriano Leonardo Scapicchi, scandivano il tempo di questa giornata di riflessione. 

Una riflessione che dovrà essere sempre più condivisa e rendere tutti consapevoli che, non solo in questo giorno, ma in ogni istante della loro vita, le donne debbano essere tutelate e protette.

Palazzina direzionale Aeroporti di Roma

 

Panchina rossa con Logo ADR ”